Sì, lo voglio.

Giro con una valigia piena di determinazione e curiosità che pesa tantissimo. Sbircio nell’ultima pagina di un libro, aspetto il finale di un film francese e perdo l’orientamento dentro la geografia dell’Asia. Ho una relazione aperta con le parole da diversi anni, ma le ho tradite con la pubblicità. Oggi prometto loro massima lealtà. Da oggi provo a scrivere. Persino di cibo, di arte e di storie.